News ed eventi sportivi

28° Gran Premio Industrie del Marmo - 2° Posto

Pubblicato il: 16.05.2015

 

Sulle ali del trionfo di domenica scorsa altra eccellente prestazione di Gennaro Giustino della Vejus - Tmf - Cicli Magnum che è giunto secondo alla prestigiosa corsa Internazionale 28° Gran Premio Industrie del Marmo svoltosi ieri a Marina di Carrara. Un'altra prova di forza e di sapienza e scaltrezza tattica del corridore napoletano a dimostrazione del suo ottimo stato di forma.

Quest'anno, nuovo e più impegnativo percorso della corsa toscana, in quanto ai soliti quattro passaggi da Ponti di Vara si è aggiunta la dura salita di Bedizzano a dieci chilometri dalla conclusione, per un totale di quasi 160 chilometri ed oltre 2000 metri di dislivello.

Al via 177 corridori di 31 team con la nazionale dell'Argentina e varie formazioni Continental (che corrono anche gare professionistiche) e di Club stranieri oltre naturalmente a molte delle più quotate squadre nazionali. 

I corridori della Vejus hanno ben interpretato la corsa, ben figurando al fianco di più quotate formazioni.

Gara tiratissima ed animata prima da una fuga di venti corridori e successivamente da un altro tentativo, che ha ben avuto maggiore durata, protagonisti sedici corridori fra cui un sempre generoso Marcin Mrozek. Sulla dura impennata finale di Bedizzano, si rimescolavano le carte, forte andatura del Team Colpack, che riusciva a recuperare i fuggitivi, tentativi di Celano, recente vincitore del Trofeo Matteotti e poi dell'azzurro Petilli ma le loro azioni non hanno avuto successo. Restavano davanti venticinque corridori a disputarsi la vittoria. Molto bella la volata di Gennaro Giustino che veniva battuto per pochi centimetri solo dal venticinquenne Gian Marco Di Francesco, portacolori della MG Kvis Norda, formazione Continental, al terzo posto Martinelli (Team Colpack).

Un'altra domenica di soddisfazioni quindi, per il team Vejus, che continua, unica squadra del Sud Italia, il suo lavoro di valorizzare e far crescere il ciclismo dilettantistico, che, lo ricordiamo, rappresenta il serbatoio dei professionisti che in questi giorni stanno animando il Giro d'Italia.